AREA DELL' ESPRESSIVITA' MOTORIA, RITMICA E MUSICALE

Denominazione progetto

MOTORIO-RITMICO MUSICALE

Priorità cui si riferisce

L'educazione al movimento ed alla cultura “del muoversi per stare bene” sono importanti obiettivi, da perseguire sin dalla più tenera età: il movimento deve essere inteso come componente fondamentale dello sviluppo cognitivo e dell'espressione della sfera psico-emotiva del bambino. In tale area rientrano anche proposte propedeutiche legate alla danza, alla musica e al canto corale, per dare all’alunno un diverso canale di espressione e di esternazione della propria personalità nel socializzare.

Traguardo di risultato

Favorire la consapevolezza motoria e musicale, il dialogo e la collaborazione (la comunicazione, l’ascolto e l’agire insieme per uno scopo comune) nel gruppo attraverso il piacere condiviso del muoversi liberamente e del cantare, seguendo un ritmo o partecipando ad attività codificate, di recitazione e corale, al fine di migliorare le capacità motorie e le capacità percettive, produttive ed interpretative in campo musicale. Raggiungere la consapevolezza che l’esercizio fisico rappresenta uno strumento irrinunciabile di prevenzione, per la promozione alla salute. Impartire ai ragazzi le nozioni basilari per suonare uno strumento a fiato o a percussione.

Obiettivo di processo

Misurare i progressi nelle competenze motorie e ritmico-musicali attraverso attività libere e codificate, compreso l’acquisizione di nozioni basilari per suonare uno strumento a fiato o a percussione.

Arricchimento delle competenze linguistiche attraverso la sperimentazione di varie esperienze comunicative.

Altre priorità

  • Sviluppare comportamenti consapevoli:

  • nell’interagire con gli altri;

  • nel rispetto delle regole e del fair play;

  • nel porre attenzione all’ascolto;

  • nel porre attenzione al fare;

  • nel rispetto del ruolo assunto e dell’ambiente in cui si opera (spazio chiuso o ambiente aperto che sia);

  • nel rispetto della propria salute.

  • Sviluppo delle competenze di “Ascolto Attivo” educando ad ascoltare la differenza tra suoni e rumori, imparando le differenze tra queste, e saper comunicare con il corpo le sensazioni provate.

  • Acquisire adeguati strumenti di comunicazione che consentano di vivere pienamente la dimensione del presente e di adoperare con successo, nel loro futuro, altri linguaggi, favorendo contestualmente la conoscenza di un patrimonio linguistico, espressivo, storico, culturale e tradizionale e di un atteggiamento di comprensione di sé e degli altri, di valorizzazione delle altre lingue e culture.

Situazione su cui interviene

Si denota un crescente aumento degli alunni che mancano di esperienze motorie (schemi motori di base, capacità coordinative e condizionali, senso del ritmo) fin dalla più tenera età.

Il bambino è sempre più sollecitato da stimoli visivi, pratica attività individuali, mentre condivide poco le esperienze (positive e negative) con i coetanei; pertanto il tempo trascorso a scuola diventa determinante per fargli vivere momenti di socialità in forma ludica nel rispetto delle regole stabilite dal gruppo.

Favorire lo sblocco motorio, il dialogo (la comunicazione e l’ascolto) nel gruppo attraverso il piacere condiviso “del fare musica” in una modalità innovativa ed attraente, sviluppando competenze generali e non specifiche, come dalle Indicazioni Nazionali.

Conoscere le regole fondamentali del codice stradale e l’uso della bicicletta.

Esprimersi attraverso il canto e stabilire relazioni con compagni di altre classi.

Cooperare assieme per lo scopo comune di mirare alla produzione di presentazioni coordinate di gruppo che sia apprezzabile e finalizzata ad un'esibizione pubblica.

Favorire la diffusione del linguaggio e della cultura musicale tra gli allievi.

Stimolare l'interesse degli alunni ad acquisire competenze specifiche in campo musicale (studio di uno strumento musicale), per ritrovare in esso un'ulteriore modalità di espressione della propria personalità.

Attività previste

Nel corso dell'anno scolastico sono previsti vari progetti; alcuni prevedono l'intervento di esperti esterni.

Danziamo insieme giocando

Trasmettere nozioni basilari di musicalità in relazione al movimento; utilizzare gli spazi in relazione ai compagni; scoprire ed imparare come utilizzare, in maniera creativa, le varie parti del corpo; sperimentare il senso di gruppo e della collaborazione.



Giocare e crescere con la musica

Il progetto propone il gioco quale pratica didattica idonea a promuovere lo sviluppo armonico della personalità del bambino. A tal fine si prevedono attività di: riconoscimento di suoni; assimilazione di elementi costitutivi della musica (ritmo, melodia, armonia, timbro); pratica vocale e strumentale con strumentario ORFF; ritmica con il corpo.

Movimento e musica in gioco

L’attività di gioco spontaneo risulta in sé un’esperienza completa per il bambino Il gioco sarà il metodo principe che la progettualità intende utilizzare, adattando la proposta ludico-espressiva alle esigenze e necessità richieste dalla specifica fascia d’età dei bambini.

Sport di classe”, un percorso valoriale avente ad oggetto i corretti stili di vita ed i principi educativi dello sport.

Sono inoltre previsti progetti con l’obiettivo di offrire agli alunni di differenti età le conoscenze basilari di alcuni giochi al fine di sviluppare attraverso un nuovo sport le capacità motorie: tennis, calcio, bocce.

Partecipazione ai Campionati Sportivi Studenteschi

Coinvolgimento degli alunni della Scuola Secondaria di I grado in alcune specialità dell’Atletica Leggera.

A scuola con lo strumento

L’attività prevede lo studio di uno strumento a fiato (clarinetto, tromba, trombone) e/o a percussione con un corso di lezioni in orario extra curricolare; applicazione del metodo Kodàly che parte dalla pratica ed arriva a far capire e ad insegnare la tecnica, al fine di creare nel bambino delle situazioni di interesse che lo porteranno alla ricerca del sistema; preparazione del saggio di fine corso.

La musica, un nuovo linguaggio

Progetto di propedeutica musicale per gli alunni della Primaria. Metodologia del “Body percussion” con metodi Orff e Kodaly: un sistema didattico di carattere ritmico dove si integrano, da un punto di vista pedagogico, la percussione corporale ed il movimento. La dimensione ritmica e musicale va a stimolare gli aspetti di attenzione e di concentrazione utili all’apprendimento globale dell’individuo.

A Natale sotto l’albero

Il Progetto prevede la realizzazione di un coro di ogni Plesso di Scuola Primaria che si esibirà in una Piazza del Comune di appartenenza della Scuola, ove sarà addobbato l’albero di Natale, per avvicinare gli alunni alla Cittadinanza. Presentazione di canti tradizionali natalizi non religiosi, anche in lingua inglese, corredati anche da movimenti ritmici, utilizzando un repertorio consono alle esigenze didattiche.



Jump sing and dance

Realizzazione di uno spettacolo musicale da proporre come saggio finale nel Teatro comunale di Cormòns. Gli alunni della Scuola Primaria svilupperanno attività di canto corale, movimenti ritmici adeguati al ritmo del canto, recitazione di parti narrative e dialogate ad esplicitazione della trama.

Il teatro e la vita

Realizzazione dello spettacolo teatrale “L’isola del tesoro” liberamente tratto dall’omonimo romanzo di R.L.Stevenson. L’attività si propone di rievocare fatti ed emozioni, comunicare sensazioni, sviluppare la fantasia attraverso l’improvvisazione e la lettura espressiva; esprimersi in modo personale; orientarsi nello spazio scenico; utilizzare materiale non strutturato ai fini di una spettacolarizzazione; aumentare il controllo e l’espressione della gestualità corporea e della mimica facciale; sviluppare la conoscenza, il controllo e l’utilizzo della voce scegliendone il tono, il volume, il ritmo; imparare a caratterizzare un personaggio letterario; conoscere la strutturazione di uno spazio scenico; cogliere gli elementi essenziali del linguaggio teatrale e comprendere i valori alla base delle vicende rappresentate.

Musica corale

Prima alfabetizzazione della musica corale attraverso esercizi e giochi di rilassamento e scioglimento della muscolatura, esercizi di respirazione e vocalizzi, giochi di coordinazione gesto-suono-ritmo, canti finalizzati all’apprendimento dei primi elementi del linguaggio musicale, canti di repertorio italiano e internazionale, scansioni ritmiche.

Progetto PON “Una voce … tanti attori”

Fondi Strutturali Europei -Programma Operativo Nazionale “Per la scuola, competenze e ambienti per l’apprendimento” 2014-2020. Asse I – Istruzione – Fondo Sociale Europeo (FSE). Obiettivo Specifico 10.2 – Miglioramento delle competenze chiave degli allievi, anche mediante il supporto dello sviluppo delle capacità di docenti, formatori e staff.

Progetto Scuola dell'Infanzia di Capriva del Friuli e le Scuole dell’Infanzia Mons. Cocolin e Via Gorizia di Cormòns: “Una voce … tanti attori” con i moduli “Giochiamo con il corpo” - “Facciamo finta di ... Teatro a scuola”. Azione 10.2.1 Azioni specifiche per la scuola dell’infanzia: linguaggi e multimedialità – espressione creativa espressività corporea.

Il Progetto intende:

favorire la consapevolezza corporea, attraverso l’agire condiviso e il piacere di muoversi, al fine di rafforzare gli schemi motori di base e le capacità percettive;

favorire il dialogo, la comunicazione, l’ascolto, l’espressività motoria, attraverso l’agire condiviso, al fine di promuovere il piacere nello stare insieme, stimolare e rafforzare le capacità percettive, linguistiche e comunicative;

promuovere lo star bene a scuola, attraverso la condivisione di esperienze sociali in forma ludico-motoria, nel rispetto delle regole stabilite dal gruppo;

sviluppare comportamenti consapevoli nell’interagire con gli altri, nel rispetto delle regole, nel porre attenzione all’ascolto e al fare, nel rispetto del ruolo assunto e dell’ambiente in cui si opera.

Risorse finanziarie necessarie

Docenti in organico all’Istituto Comprensivo con ore aggiuntive, compresa la partecipazione ai Campionati Studenteschi.

Interventi di esperti esterni.

Costi previsti per eventuali sussidi, materiali richiesti e biglietti teatrali.

Risorse umane (ore) / area

Docenti in organico all’Istituto Comprensivo.

Interventi di esperti.

Interventi di tecnici delle Società Sportive appartenenti al territorio (ASD Unione Ciclisti Caprivesi MTB Team Gorizia, l’ASD Tennis Campagnuzza di Gorizia), del CONI/Ufficio Educazione Fisica e diplomata Isef.

Operatori esperti in didattica della musica della Società Artistico Culturale Filarmonica di Cormòns.

Attività complementare relativa alla partecipazione ai Campionati Studenteschi.

Altre risorse necessarie

Campo sportivo, spazi di pertinenza della scuola, teatro comunale, piazze dei Comuni di Cormòns, Capriva e Moraro.

Indicatori utilizzati

  • Grado di partecipazione, corretto atteggiamento all’ascolto, valutazione inerente l’interiorizzazione dei contenuti proposti, giudizio espresso nel comportamento.

  • Griglie di valutazione e test in possesso dell’esperto doc. di Educazione Fisica.

  • Prove attitudinali ed esecuzioni di ritmi e melodie.

  • Grado di partecipazione a rappresentazioni – concerti (a Natale e a fine anno).

  • Acquisizione di un’iniziale padronanza dello strumento con cui incominciare ad esprimersi sia individualmente che collettivamente;

  • Memorizzazione di frasi ritmiche e melodiche.

Stati di avanzamento

Al termine del primo anno si punterà a migliorare il clima di collaborazione, a promuovere un atteggiamento positivo e costruttivo nei confronti delle difficoltà e degli ostacoli ad ogni grado di istruzione. Dal secondo anno si punterà ad innalzare il numero di allievi con incremento di giudizio e valutazione positivi nella scuola primaria e secondaria.

Valori / situazione attesi


Al termine di ogni anno scolastico, si prevede un’implementazione verso la fascia alta di una o due unità per classe.




Comments