Cramars - percorso educativo


Si è concluso il 2 aprile un percorso educativo organizzato per gli alunni delle classi prime dal Museo Etnografico di Udine.

I ragazzi si sono recati al Museo e sono stati guidati, attraverso la presentazione di lettere e altri documenti storici, a conoscere il tema dell’emigrazione, che ha interessato la Carnia nei secoli scorsi.





"Nessuno di noi aveva mai sentito parlare dei Cramârs, i mercanti ambulanti che, con un contenitore di legno, da portare a mo’ di zaino sulle spalle, la “crassigne “ , nei mesi invernali, emigravano all’estero per cercare nuove fonti di guadagno per il sostentamento della famiglia.
E cosa vendevano? Riempivano la “crassigne” di tessuti, spezie e medicine. Una di queste, in particolare, la Teriaca, era molto apprezzata perché considerata un farmaco miracoloso. Pensate…..era fatta con carne essiccata di vipera!!!
Terminata la spiegazione sui Cramars e, dopo aver visitato alcune sale del museo, siamo stati divisi in quattro gruppi e abbiamo iniziato un gioco simile al gioco dell’oca in cui dovevamo ripercorrere le rotte del viaggio di un Cramar, con tutte le sue difficoltà ed incognite. Il viaggio partiva da Cercivento, comune della Carnia, e si concludeva a Monaco.

Il percorso è continuato con la visita di altre sale dove sono esposti, tra altri materiali, alcuni strumenti chirurgici appartenuti ad un medico, figlio e nipote di cramârs, oppure alcuni strumenti musicali, giochi, maschere e burattini legati alla tradizione friulana. Saliti, infine, al terzo piano abbiamo visto un vecchio telaio e alcuni abiti tradizionali.

L’esperienza, così strutturata, è stata un interessante e divertente modo per conoscere realtà della tradizione popolare friulana che la maggior parte di noi non conosceva".

Gli alunni della classe prima A

Comments